PAGINA DELL'ARTISTA ALESSANDRO CINI

-clicca per ingrandire

 

Azzurro

 
   
   

I lavori che propongo alla vostra attenzione sono strettamente connessi alla mia attività

professionale, non posso fare a meno di pensarlo sempre. Da circa 12 anni mi occupo di restauro

d’arte, ho aperto sei anni fa una ditta artigiana che lavora in Italia e all’estero nel restauro

architettonico, artistico (affreschi e decorazioni) e della pietra. Del restauro ho sempre amato la

parte conservativa, la materia, le fasi di pulitura, il consolidamento, e in questo ho sempre

sperimentato materiali e cercato un punto di contatto tra novità e tradizione, una ricerca lunga che

non so se mai arriverà ad un dunque, ma che amo fare.

Da sempre, la seconda grande passione della mia vita è il viaggio. Ho iniziato a 15 anni in

autostop, a girare prima l’Italia, poi l’Europa e oltre, per arrivare a scorribande nei vari charity

rallies per Asia e Africa, corse con macchine piccole a scopo di beneficenza come Mongol rally,

Silk Road race e Dogon Challenge.

Era impossibile non iniziare a fare foto, migliaia di foto a volti, bambini, paesaggi eccetera. Ma per

quanto queste foto possano raccontare storie, passioni, emozioni, nulla trovo sia più intimo che

trovare nella natura le forme di astrazione che amo vedere su tela e nelle installazioni, con colori

che riprendono molto quei pigmenti naturali che uso nel mio lavoro, che cerco e mescolo con

pazienza. Questi scatti sono una parte molto intima di me, la mia vita e il mio peregrinare, chi li ha

visti ha provato un’emozione diversa dallo scatto fotografico di viaggio, è rimasto a guardarle,

capirle, quasi ascoltarle, come si fa con una tela di cui cerchiamo di cogliere il messaggio.

Tutti gli scatti sono presi da terra e alberi, scatti presi tra fenomeni di vulcani di fango nella

Romania Meridionale e in Sicilia e nei parchi di Pechino. Non c’e’ post produzione, i colori sono

quelli reali.

Le propongo alla vostra attenzione, su pannelli in forex 50x70 o, su richiesta, misure più grandi,

sperando che suscitino la curiosità e l’interesse che hanno destato nelle esposizioni che ho fatto

nei mesi scorsi.