PAGINA DELL'ARTISTA LILLY NARDI

-clicca per ingrandire

Lucciole – Omaggio a Pasolini

Forever
   
   

Lilly Nardi è nata a Roma, dove vive e lavora. Si è formata all’ Istituto d’arte di via Ripetta a Roma.

La sua prima personale risale al 1976 presso la Galleria La Tartaruga di Roma.Nel 1978 espone alla Galleria dei Due Leoni di Via Margutta.

Ancora alla Tartaruga si svolge una delle sue più importanti mostre sui Portoni di Roma, nel 1979.

Seguono altre personali negli anni successivi delle quali si ricordano quella presso la Galleria Marguttina nel 1981 e quella dedicata ad Alberto Sordi presso la Galleria Consorti, nel 1982.

Di nuovo alla Tartaruga espone nel 1986 e a partire dall’anno successivo partecipa a esposizioni collettive sia in Italia sia all’estero, ad esempio in Francia, Germania e Belgio.

Dal 2004 ricomincia ad esporre in mostre personali, quali quella presso la Torretta Valadier di Ponte Milvio e nel 2005 alla Banca Popolare di Milano di Roma. Nel 2007 e nel 2008 mostre personali si svolgono  presso la Galleria RGB di Roma.

Nel 2008-2009-2010 partecipa al Premio Terna.

Nel mese di aprile 2009 tiene una mostra personale a Milano nei prestigiosi saloni di Palazzo Cusani di via Brera, sede del Circolo Ufficiali dell’Esercito.

Nel mese di dicembre 2009 espone nel centro di Milano in una sede della Banca Nazionale del Lavoro a favore della causa TELETHON.

 Nel mese di maggio 2010 presso il Palazzo Margutta di Roma prende parte alla collettiva “Composizione… Scomposizione… Movimento”.

Nei mesi di aprile e maggio 2011 partecipa a Roma a numerose esposizioni collettive.

Nel mese di aprile 2012  si classifica 2^ al VI Premio Internazionale “Natale di Roma” nella sezione pittura astratta.
 

 

Le opere di Lilly Nardi,artista capitolina,  sono intrise di gioiosa freschezza,di  energia e movimento. Esse ci raccontano un universo profondo ed, al contempo,vivace e curioso,che esprime un fascino e una suggestione formale e cromatica.

A Roma, ai sui portoni, ai suoi angoli nascosti, meno frequentati o dimenticati  canta un'ode che dal singolo dettaglio, dalla piccola parte che racchiude in sé il tutto, restituisce tutto l'amore per la propria città.

Allo stesso modo sono i fiori, soprattutto le rose, dai colori reali o magnifici, e le donne dallo sguardo misterioso o dalla chiara serenità di un momento felice.

Nelle sue opere si nota un percorso artistico originale ed innovativo. Alcuni critici l’hanno definita artista concettuale-spaziale in quanto straordinaria osservatrice del mondo.

La prima mostra personale di Lilly Nardi risale al 1976, mentre nel 1979, una delle sue più importanti, ha come cornice la storica galleria La Tartaruga di via Sistina e nello stesso anno l'altrettanto celebre galleria Consorti di via Margutta,che ospita l'esposizione, per la quale Pericle Fazzini la presentava sottolineando nella sua pittura l'assenza di retorica e la sensibilità nel cogliere quella particolare luce, che solo Roma possiede..

Ma tutto questo è storia: tutto quello che Lilly ha dipinto, i frammenti di vita e di emozioni trasposti sulla tela con una qualità tecnica elevata e una capacità mimetica straordinaria, ormai appartiene a un bagaglio artistico, a una ricerca formale ricca ed emozionante che oggi lascia il passo a un nuovo flusso creativo.

Quello che Lilly Nardi ora dipinge mira più alla ricerca dell’armonia dei colori e delle forme,piuttosto che a una figurazione descrittiva e vive attraverso un'immediata gestualità. E’ una vera e propria esplosione di colori non più riconducibile a un'univoca e certa identificazione.

Le nuove tele ci colpiscono per la carica di energia e per la freschezza che sono in grado di sprigionare: possiedono un ritmo e un'energia dirompente tale da mostrare tutto il coraggio di una pittrice che, seppur matura artisticamente, conserva inalterato lo spirito e la gioia di vivere delle prime creazioni ed è disposta a mettersi ogni volta, ogni giorno in gioco e in discussione.

Le sue opere possiedono sempre una dinamica e soprattutto una forza espressiva che ci attrae fino a risucchiarci al proprio interno.

Tra le sue più significative e recenti esposizioni personali vanno ricordate quelle tenute a Milano a Palazzo Cusani ed alla Banca Nazionale del Lavoro per Telethon nel 2009 ed a Roma a Palazzo Margutta nel 2010.

Hanno scritto di lei:Pericle Fazzini,Francesco Crispoldi,Giovanni Cecchi,Fiorenzo Fiorentini,Augusto Giordano,Alberto Sordi,Anita Suppa,Federico Marcovaldi,Principia Bruna Rosco,Elena Cicchetti.

Lilly Nardi è socia dell’Associazione Artisti di via Giulia di Roma e dell’Associazione Culturale Artistica “Il Volano” di Milano.