PAGINA DELL'ARTISTA SAMANTHA FARAGLIA

-clicca per ingrandire

 

Il peso della maschera

 
   
   

 

 

Documentazione critica di Samantha

 Come dire: “una giovane ragazza, colpita e folgorata dalla volontà di esprimersi, trova nella pittura una dimensione appropriata alla sua natura”.

 Avviato il nesso tecnica e volontà, apprendimento ed esternazione, Samantha va diretta alle continue impostazioni pittoriche sperimentando i suoi contenuti. Solitamente temi che colgono una visione dell’uomo nella sua entità sociale e filosofica.

E’ il suo pensiero, attento nello scrupolo di dare impegno alla sua pittura.

Dalla sua visione espressiva ed estetica, la chiarezza delle impostazioni non vi sono dubbi, Samantha non è impressionista; il suo svolgersi pittorico è ben strutturato dal disegno, il colore rientra nella forma dando alla costruzione lirica creatività esplosiva.

 Nell’opera “Il profumo della libertà” raccoglie l’analisi di una situazione ormai compromessa; L’uomo mette a repentaglio il suo divenire, ed è egli stesso vittima e carnefice. Inquinamento, prevaricazione e furbizia. Puntualizzati con elementi ed immagini suggestive. Ottima restituzione dignitosa dell’aquila, simbolo, per diversi secoli, di imperialismi, Samantha ridona a questo animale la nobiltà, anzi diventa la sua personificazione, la sua indignazione e la sua ribellione.

Significativo il concetto Pirandelliano della maschera.

Uno sdoppiamento della personalità dettata dall’ipocrisia e dall’apparire. Il corpo ben strutturato nell’impostazione contorta nell’atto di una danza.

Samantha trova in quella figura una compagine della sua peculiarità e della sua poetica.

Una strada che le si addice, una carica vitale ispirata dalle sfide alle proprie attitudini.

 

CURRICULUM ARTISTICO

CORSO DI TECNICHE GRAFICHE (Photoshop) presso ENAIP di Borgomanero frequentato nell’anno 2006/2007

 CORSO DI TECNICHE GRAFICHE AVANZATO (Photoshop CS2) presso ENAIP di Borgomanero frequentato nell’anno 2008/2009

 Frequento da otto anni un corso di Pittura organizzato dall’UNI 3 di Omegna tenuto dal noto pittore Gilberto Carpo.

 Mostra di fine anno presso la Sala del Carrobbio ad Omegna con tutti gli allievi.

 Ho partecipato per tre anni ad “ARENA” il  concorso di fumetto internazionale del Baraccano di Bologna passando le selezioni tra i primi ottanta partecipanti. 

 Mostra presso “LABOR ART” di Piedimulera sui “falsi d’autore” con “San Girolamo”  di Caravaggio e  “Fanciulla giapponese” di Monet nel 2010.

 Mostra “E’ forse morta la pittura?”  presso LABOR ART con Gilberto Carpo e i suoi allievi. Mostra sul tema della ripresa del contemporaneo nell’arte moderna.

 Concorso “Giovani artisti” nelle tre edizioni.

Mostra  collettiva presso “il Salotto dell’arte” di Torino con il titolo “Post avanguardia italiana” nella categoria Pop surrealism  nel 2012.