PAGINA DELL'ARTISTA SARA STAVLA

-clicca per ingrandire

 

Risveglio interiore

 
   
   

Sara Stavla, nata a Treviso, vive e lavora a Padova.

Ha avuto maestri di nota fama ma deve la sua formazione artistica alla scuola di Riccardo Galuppo, orientandosi in un primo tempo alla grafica e all'olio, poi all'acquarello dove esprime doti di alta intensità e tecnica .

Partecipa attivamente a mostre,personali, collettive di rilievo in diverse città italiane, oltre a rassegne e concorsi riscontrando importanti premi, segnalazioni e riconoscimenti nazionali.

 

Sara Stavla

Mi emozionano sempre i suoi contenuti che mi sembrano rimandare a esperienze umane

profondamente condivisibili. Commovente la sua ricerca di unire il nuovo con l'antico, i materiali

quotidiani con le sfumature ad acquerello proprie di un pennello non denso ma dalla serica

sensibilità. Pittrice dalle forti emozioni visive. Nella sua attività artistica vi è sempre una ricerca

continua verso l'interiore e l'insondabile espressa da una piacevolezza formale ardua,

inafferrabile, eppure lì, quasi imprigionata nella tela, la tela stretta per poter contenere tanta

ricchezza espressiva.

Raffaele Mambella

_____________________

Negli acquerelli di Sara Stavla ciò che colpisce subito è questa intrinseca vibrazione, quel dipingere estemporaneo che sembra seguire una istintiva musicalità.

Lo sguardo coglie vari aspetti della realtà fenomenica, dai paesaggi arborei dell’entroterra veneto alle composte nature morte –frequenti e note quelle con la sciarpa-, sino ai dettagli di un cespuglio fiorito rappreso nei toni più variabili del colore. Indimenticabile il cangiantismo dei verdi nel lussureggiante Oleandro o il contrasto cromatico degli alchechengi su un panno grigio.

La pittura di Sara scorre con una scioltezza che quasi la irrora, dandole aspetti di delicata seduzione. C’è quindi di base un sentimento romantico che guida le composizioni sempre riconoscibili anche quando nella trasmutazione delle visioni cogliamo delle sintesi formali vicino all'astrazione... G. Niero