PAGINA DELL'ARTISTA SILVANA CANOBBIO ( Silvi )

-clicca per ingrandire

 

Il cammino verso la luce Ŕ lungo e tortuoso

 
   
   
Silvana Canobbio nasce a Milano il 19 /3 /1952,vive a Calco,in Brianza dove ha lo studio.

Cresciuta nell'hinterland milanese,passa per˛ lunghi periodi estivi nella casa dei nonni materni, in Valtellina.

Del carattere dei valtellinesi eredita la costanza,ma anche quella riservatezza e discrezione che,spesso ,la fanno rinunciare a sottoporsi al giudizio del pubblico
 estimatore d'arte.

Per questo trae le sue migliori energie e maggiore forza nella prosecuzione del suo tragitto artistico solo quando,in contemporanea con le critiche e i suggerimenti,riceve anche apprezzamenti per i risultati ottenuti.

Questa sincera ritrosia a mostrarsi ,viene vinta solo quando partecipa a numerose mostre collettive e concorsi in Lombardia ; proprio perchŔ si presenta con altri colleghi lei,psicologicamente , trova l'energia ed il coraggio per mostrare le sue produzioni.

Eppure,anche se nel mucchio,Ŕ spesso estratta dalle persone pi¨ attente alle proposte d'avanguardia,e riceve apprezzamenti di pubblico e di critica.

Dietro ripetute insistenze e inviti, si convince a presentare,in Brianza,una mostra personale ,che suscita molto interesse ,soprattutto con il tema delle Galassie,che inducono forti impressioni visive ed emotive nei visitatori.

    

 

ALESSANDRO CERIOLI : "Credo si possa affermare : una vita di passione per l'arte la sua,

un viaggio interiore che dura da vent'anni,percorso all'insegna del continuo rinnovamento.

Molto poliedrica ha sviluppato delle tecniche importanti che si avvicinano alla moderna

"Street art".Gli inizi sono con le tecniche a olio tradizionali, e con una certa

dimistichezza arriva ad un buon grado tecnico ;vediamo anche delle opere in acquerello

che trasmettono una vivacitÓ d'insieme molto interessante.Frequenta alcuni artisti locali

(FRancesco Torazza,Leda Rizzi,Massimo Bollani )che ne aumentano l'autostima e l'espressione

pittorica,sino ad arrivare ad una nuova "Concezione artistica " ed a un uso dei materiali

non convenzionali,con annessi studi in materia.

Accostarsi all'opera di Silvana Canobbio significa entrare in contatto con il mondo delle

emozioni.Le sue "Galassie"sono un tributo all'"Astronomia spirituale " davvero intenso e

profondo,lo si nota soprattutto nella "Galassia 1"(Quella luce che si propaga all'interno

della tela mettendo in chiaro -scuro il cosmo stesso ,quasi fosse la quint'essenza della

divinitÓ)opera di rara bellezza.

Alla stregua di una poetessa l'artista si lascia ispirare dall'ambiente in cui Ŕ immersa

riuscendo a percepirlo ed ascoltarlo.Ad entrare sulle sue tele sono infatti la solaritÓ

dei colori presenti in natura .

Lo si pu˛ notare nel suo "Bosco incantato " ,bellissimo tema bucolico con i tipici colori

autunnali,balza subito all'occhio la tecnica mista ,questo felice connubio fra olio

e spray che dona una lucentezza inusuale a tutto l'insieme.

Altro dipinto di uguale forza Ŕ il" Rito di purificazione ",olio su tela tradizionale,

molto simbolico ed emblematico:la donna soggetto principale in una posizione supplice

cerca attraverso l'acqua che scorre di purificare la propria anima;intensa Ŕ la policromia di questa

di questa tela ,si notano dei passaggi di colore molto decisi,quasi volesse indicare il

punto di scissione fra il peccato e l'espiazione dello stesso.

La semplicitÓ contraddistingue Silvana sopra ogni altra cosa.La sua intensitÓ d'animo,il

suo sognare ad occhi aperti e il riuscire a trasporre gli stessi sogni sulle sue tele,ne

fanno un'artista degna di nota.

Attraverso la rappresentazione di una materia sofisticata-quale l'animo umano-entriamo in

contatto con la poetica di Silvana Canobbio e la sua ricerca del bello,di un mondo sublima-

to,di una realtÓ filtrata minuziosamente.L'esaltazione di quest'arte impreziosita,diventa

trionfo di bellezza.

Davanti alle sue opere difficilmente si proveranno le stesse pulsioni,eppure le sue tele

sanno emozionare,grazie all'istintiva visione del bello che traspare."


GIANNINO CASCARDO : "La prima impressione che colpisce profondamente chi si ferma davanti

a un quadro di Silvana Canobbio ,Ŕ di avvicinarsi ad un animo assai sensibile,naturalmente

portato alla contemplazione .

Queste doti sono strettamente legate all'esperienza di vita dell'artista che ,fin da pic-

cola ,subisce il fascino della natura ,coglie intensamente la vibrazione dei colori ,assimi-

la i volumi,i contorni e le forme che la circondano .

La pittrice conserva per lunghi anni nel suo profondo queste sensazioni.

Poi un tragico evento familiare ,improvviso,inimmaginabile sconvolge la vita praticata

fino a quel momento.

Da qui la sua tensione a percorrere una traccia lunga di consapevolezza spirituale e

l'esigenza di contrapporre ,alla disumanitÓ della vita quotidiana ,vissuta ora con un metro

diverso ,il momento catarchico,liberatorio dalle angosce esistenziali.

Le vie sperimentate sono diverse : la meditazione ,lo yoga ,il recupero della certezza di

ricongiungimento-in un "momento " futuro -con il figlio repentinamente mancato all'affetto,

alle tenerezze, ma anche solo alla vista quotidiana .

Nasce,in Silvana ,la necessitÓ di esternare questa eccitazione ,l'inquietudine di non smar-

rire -come nei sogni che svaniscono all'alba -le sensazioni che pervadono e colpiscono il

suo animo ,ma di fissarle fisicamente sulla tela.

Da qui la sperimentazione nella pittura ,il mezzo che sceglie per comunicare " in primis "

con se stessa,ma successivamente anche con il suo pubblico;Ŕ l'arte alla quale si accosta

con discrezione,senza presunzione ,seguendo il percorso tradizionale del maestro,che le

insegna la tecnica ,soprattutto l'utilizzo dei colori e del disegno.

Con Francesco Torazza ,ammirato figurativo e neo impressionista ,apprende l'uso dei colori

a olio , le finezze delle tonalitÓ ,misurate con splendida precisione,lo segue nelle sedute

en plein air ,assorbe i suggerimenti, ne fa bagaglio personale.

In parallelo approfondisce il discorso pittorico con letture critiche ,visite a mostre e

frequenze presso altri artisti ,confrontandosi e percorrendo strade di varia importanza e

diverso interesse .

Non rifiuta di cimentarsi con il ritratto di persone e di animali ( i gatti sono la sua

passione) e spazia nell'ampia gamma delle tecniche .

Scomparso prematuramente il suo maestro ,cerca altri spazi in cui misurarsi,oltre a quello dell'o-

a quello dell'olio e,seguendo una sua ispirazione ,si iscrive alla scuola di acquerello di

Leda Rizzi .

Apprezza la tecnica della luminositÓ e delle trasparenze di questa branca pittorica , ne

approfondisce il motivo dell'immediatezza della realizzazione ,dell'impossibilitÓ di

correzione -come invece consente

la pittura ad olio- e della finezza dei toni cromatici.

Messe al sicuro le tecniche ,finalmente ,Silvana si sente in grado di proporre un suo stile,

personalissimo,maturato negli anni,che sazia il suo desiderio di confondersi ,immergersi-

piccolo granello di sabbia - nell'infinito,quello leopardiano,mirabilmente dipinto con

pochi versi dal poeta.

Con ci˛ non Ŕ cosý presuntuosa da abbandonare la guida di un maestro e ,con Bollani,pro-

segue l'approfondimento mai esaurito del disegno e del colore.

Indifferentemente usa materiali e mezzi diversi; si spinge ,con successo,nel materico,torna

all'olio ,prosegue con l'acquerello.

Insomma Silvana non intende limitarsi a tecniche preconfezionate ; l'oggetto del suo

comunicare Ŕ uniforme , ma i metodi differenti.

Al fruitore dei suoi quadri chiede solo di entrare ,sentirsi in sintonia con i suoi messag- e

gi,di rimanervi,magari proseguendo l'approfondimento in ambito puramente privato."

AGGIORNAMENTI CURRICULUM 2011/2012

marzo : collettiva Galleria " La Nassa " Lecco

collettiva Calco

giugno : collettiva SPI-CGIL Olgiate Molgora
personale Galleria " La Nassa "- Lecco

settembre: 3 opere,selezionate tramite concorso internazionale " Tower prize ",esposte
c/o Galleria Artinvest di Torino-Rivoli
ottobre : XIII mostra mercato d'arte moderna e contemporanea -Reggio Emilia

marzo 2012: collettiva Galleria "La Nassa " Lecco

" I░ premio " Mimosa d'oro "concorso Barocco -Milano
-,
maggio: partecipa Trofeo Barocco - Milano
giugno : collettiva Spi-CGIL -Merate
" collettiva " Compra un quadro ...fai vivere l'arte " Rondissone (To )
luglio : partecipa al Premio Celeste