PAGINA DELL'ARTISTA GUSTAVO POZZO

licca per ingrandire

Scomposizione Citta' capovolta
   
   

 

Nato a Napoli, città in cui vive e lavora alla Salita Cariati n° 8.

Operatore di cultura, di formazione autodidatta, non si pone vincoli di tecniche o stili.

Interessato ai temi proposti dal prof. Adolfo Giuliani nel manifesto dell' "Esasperatismo" ha aderito al Movimento Artistico Culturale " Esasperatismo - Logos&Bidone".

La sua attenzione artistica si è concentrata sulla fotografia digitale trasferendo le immagini, catturate in maniera "random" e trasformate attraverso programmi informatici, su supporti diversi, quali: tela, forex, alluminio, zinco.

 

CRITICA

Il maestro Gustavo Pozzo ha dimestichezza con le tecniche moderne sicché crea opere suadenti, avvincenti, non limitandosi alla rappresentazione fedele della realtà ma spaziando nell'informale.

Tutto questo è possibile grazie ad una indiscussa padronanza della tecnica esecutiva e della sublime creatività che rende possibile il verificarsi di artifizi pittorici inaspettati.

Dino Marasà (Grandi Maestri)

La sperimentazione tecnico-stilistica nell’arte di Gustavo Pozzo

Gustavo Pozzo ci offre in visione opere plausibilmente rientranti nel più vasto campo dell'arte contemporanea. La ricerca maggiormente caratterizzante la sua produzione artistica più recente si muove da un piano puramente concettuale, prende corpo attraverso strumenti tecnologici, è integrata per mezzo di programmi informatici, si estende al supporto nella sperimentazione di materiali inusitati, e finisce per coinvolgere lo stesso fruitore nel momento in cui pone l’opera in un intimo rapporto interattivo, dove il significato da attribuire a un’immagine artistica è delegata all’individuale sensibilità dell’osservatore.

Dopo un elaborato intervento al computer che tramuta l’immagine originaria in un’immagine talvolta informale, talvolta neofigurativa, non priva di evidenti richiami al contesto reale dalla quale deriva e ai suoi significati simbolici, l’esito non è mai predeterminato, ma raggiunto attraverso una modalità che definiremmo random.

Domenico Raio (City)

In matematica la trasformazione è un'operazione di cambiamento:

le “Immagini Trasposte” di Gustavo Pozzo sono cambiamento.

Un 'tempo ritrovato', per dirla con Marcel Proust, probabilmente nascosto dentro i suoi occhi, dentro l'occhio del cuore e svelato nell'attimo in cui il confine fra realtà e la verità della fantasia e del sogno della vita si dissolve e dilata.

Scavalcando i confini dei linguaggi, esprime con forza ironica dolore, solitudine, desiderio speranze naufragate e testarda volontà di continuare a lottare.

La sperimentazione tecnica, dal digitale alla stampa su tela, forx o alluminio porta le immagini ben manipolate a ricordi consolidati.

Rita Felerico ( Il Denaro)

Gustavo Pozzo, di formazione autodidatta, è uno sperimentatore instancabile nel ricercare e trasferire tematiche pregresse.

Egli pone nell'approccio all'opera una valutazione allo stesso tempo formale e concettuale,nelle sue opere si nota un coinvolgimento esistenziale e ci racconta di sé e dei sentimenti che lo ispirano.

Fotografa muri e portoni sbrecciati dal tempo, lamiere bruciate dall'uomo, trasfigurando e trasferendo dette immagini in un linguaggio informale.

La sua attività creativa si estrinseca in un inseguimento di qualcosa che nello stesso tempo gli sfugge e desidera, fotografa cose inattese e apparse improvvisamente alla sua percezione come insegne pubblicitarie elettorali degradate dal tempo, violate dall'uomo che perdono l'iniziale messaggio raggiungendo nelle elaborazioni successive figure fantasmagoriche che disumanizzano i personaggi inizialmente raffigurati.

Nelle sue opere il colore è, in una società degradata, la trasformazione della solitudine dell'uomo

Per questo egli è pienamente interessato ai temi proposti dal prof. Giuliani nel manifesto dell'"Esasperatismo".

Mario Fortunato

Una tavolozza ricca, esuberante,un gusto pittorico che travalica mode e modi per imporsi con vigore assolutamente straordinario.

La ricerca del colore, della combinazione tra questo e le forme che lo delineano è alla base della pittura moderna e Pozzo partecipa a questa ricerca in modo del tutto peculiare.

Infatti pur facendo uso di colori e pennelli virtuali, tende a materializzare il tutto grazie alla potenza espressiva che gli consente di conferire corposità a un mondo fatto di numeri e di pixel immateriali, riuscendo così a coniugare la sua sensibilità e creatività alla tecnica più avanzata con risultati assolutamente di rilievo.

Beppe Palomba

I brillanti colori e il segno ricco di personalità del maestro Gustavo Pozzo indicano il suo prepotente talento artistico, la sua incessante ricerca espressiva e la sua creatività.

Con un proprio stile peculiare che preferisce la funzione della cromia piuttosto che quella segnica, lo spettatore imtuisce subito il messaggio pittorico e si sente coinvolto in prima persona nella narrazione.

Una fruizione empatica dunque, che offre nuovi modi visivi e soddisfazione estetica.

Dino Marasà

 

MOSTRE

Ha partecipato alla Mostra Collettiva di Fotografia "18 x 24" presso la Galleria d'Arte "GAMEN" di Napoli;

Ha partecipato al Premio d'Arte Contemporanea "IL SEGNO" presso la Galleria d'Arte "ZAMENHOF" di Milano;

Iscritto alla Community " Amici di INFORMART" di Tiberio Gracco del Museo Gracco di Pompei (NA);

Espone alla Galleria d'Arte "GIO'- ART" di Lucca;

Espone alla Galleria "Liberarte” Ass. Culturale ed Artistica – Godeca SU - (TV);

Mostra personale alla Galleria “ GAMEN” di Napoli;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "MeTaFoRMa” organizzata dall'accademiadeipartenopei - Napoli;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "più falso del vero”, organizzata dall'Accademia della Bussola, Maschio Angioino Sala Carlo V - Napoli;

Ha partecipato per l'America's Cup Napoli 2012, organizzata dall'Accademia della Bussola, alla Mostra Collettiva Internazionale "Vele D'Arte” al Castel dell'Ovo - Napoli;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva Internazionale "Il Giardino Incantato”, organizzata dalla Galleria “ GAMEN” presso il Palazzo Venezia - Napoli;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "Insieme per l'Esasperantismo” presso il Centro d'Arte e Cultura Il Bidone - Napoli;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "Vele D'Arte” presso gli Spazi Espositivi della Biblioteca Comunale di Piano di Sorrento - Napoli;

Ha partecipato alla 1° Concorso Internazionale d'Arte Contemporanea "Cromie al Museo” organizzata dall'Ass.ne Insieme nell'Arte presso il Palazzo Doria Pamphili Museo Archeologico di Valmontone - Roma;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "Vele D'Arte America's Cup”,organizzata dall'Accademia della Bussola, presso il Centro Caprese Museo “IGNAZIO CERIO” Capri - Napoli;

Ha partecipato alla Mostra "# PantaRei Lab.”,organizzata dall'Accademia della Bussola', presso Palazzo Braschi - Roma;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "Vele D'Arte America's Cup”,organizzata dall'Accademia della Bussola, presso Villa Fondi Piano di Sorrento - Napoli;

Mostra personale alla Galleria “ Bonan Studio d'Arte Due “ Venezia;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva Internazionale "UTOPIA”,organizzata dall'Accademia della Bussola, presso la Galleria delle Cornici - Venezia Lido;

Ha partecipato alla Rassegna Artistica Internazionale "ColorissimArte-Baccina66”, presso la Galleria Espositiva Baccina 66 - Roma;

Ha partecipato alla Mostra Collettiva Internazionale "Premio dei Normanni”, nella Città di Monreale, organizzata dalla Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea “G. Sciortino” - Monreale (PA);

Ha partecipato alla Mostra Collettiva "VITA D'ARTISTA”, omaggio a Gino Paoli organizzata dall'Accademia della Bussola, presso Palazzo Tocco di Montemiletto - Sala dei Principi - Napoli;

Alcune opere sono state pubblicate sulle riviste d'arte:

“Grandi Maestri” Edizione 2011;

“Accademia Internazionale delle Avanguardie Artistiche ” Edizione 2012;

e “OVERART” Edizione maggio 2012.