PAGINA DELL'ARTISTA ELENA SIRTORI

-clicca per ingrandire

Allegria

Semi di mango

   
   

Nata a LECCO  nel 1967

 Cresciuta circondata da colori, arte, fili e stoffe, ha imparato a tingerle e trattarle in ogni modo, sperimentando sempre tecniche innovative ed inusuali. Gli abbinamenti cromatici sono sempre stati una passione grandissima e innata, quasi maniacale.

 La passione, fortissima, per i ponti in ferro, in acciaio, per le grandi opere metalliche in costruzioni è sempre andata di pari passo con l’altra passione per i cuori, le Madonne, gli Angeli, la Spiritualità e tutte le forme d’amore più dolce e delicato, spesso legato alle fiabe ed ai bambini. 

 Dipingere è stata una passione infantile, subito messa da parte e dimenticata, fino ad essere ripresa nel 2006, in modo prepotente e discontinuo, ma diventato il timone del suo Essere.

 La parte di design fiabesco, si è espressa in un marchio, di sua creazione, chiamato “12, Roses and Bubbles”, un atelier artistico dove sono nati letti comodi e un po’ surreali, sulle carrozze con foglie d’oro e un mondo d’Amore Vero.

 

 

Elena Sirtori è cresciuta tra colori, filati e tessuti di famiglia: la sua eccentricità è palpabile in quello che Lei crea e diventa una sequenza di flash onirici che portano l’osservatore nell’incanto di mondi fanciulleschi: amore per le fiabe, il circo, gli alberi,

ricordi di viaggi lontani e l’utilizzo di parole calibrate, si alternano a moti di passione ed impetuosa

sensualità. Un ritmo cadenzato, come Lei stessa dice, dalla sete di colore che riveste le tele, quali fossero personaggi di un vivere quotidiano: Elena, osserva, attentamente e filtra, nel suo Cuore, elemento che appare ovunque, il mondo in continuo mutamento e lo riporta, a volte in modo più profondo, altre con lieve umorismo, denotando una continua introspezione, sempre in divenire, ma ben sorretta da Valori quasi arcaici.

Legata,  a filo doppio, all’amore per gli Angeli e  Madonne, il suo compito è chiaramente quello di emozionare in ogni modo chi guarda, distrattamente e fermarlo, anche solo per un attimo.