PAGINA DELL'ARTISTA UGO CORDASCO

-clicca per ingrandire

 
Fuoco  
   
   
Ugo Cordasco nasce a Sarno (SA) il 14.03.1964.

Durante gli studi di architettura collabora come assistente alla cattedra di Teoria e Tecnica della Progettazione Architettonica e si laurea nel 1992 col Prof. Arch. Nicola Pagliara con una tesi in Progettazione Architettonica all’Università degli studi di Napoli “Federico II”.

Dopo una prima esperienza come direttore di cantiere per la realizzazione della facoltà di farmacia nel complesso Universitario di Salerno in Fisciano, apre un proprio studio professionale a Sarno, dove comincia a lavorare principalmente con una committenza privata nell’ambito della residenza e delle attività commerciali con progettazione e direzione dei lavori. Nel contempo partecipa a diversi concorsi di idee con la pubblicazione di alcuni progetti.

L’intento principale è la continua ricerca di una spazialità sempre nuova attraverso una diversa interpretazione del sistema strutturale e funzionale tradizionali, dove il linguaggio architettonico non può che essere quello del “proprio tempo”. L’estetica come risoluzione di un problema costruttivo e come relazione col contesto circostante, mai fine a se stessa.   

 Nel 1999 consegue il diploma di specializzazione post-laurea sempre alla “Federico II” in disegno industriale col Prof. Arch. Riccardo Dalisi e il Prof. Arch. Ermanno Guida. Partecipa a diversi concorsi di design con alcune pubblicazioni: infatti al concorso indetto dalla Fiat auto, classificatosi terzo, la motivazione della giuria presieduta dal Prof. Gillo Dorfles dice:” per la semplicità dell’impianto generale e per la trasformabilità leggera e chiara dell’auto”.

Allestisce alcune mostre personali con la conseguente pubblicazione di un piccolo catalogo degli oggetti realizzati in pietra, legno e ferro, tutti di carattere artigianale. Nella prefazione al catalogo ha detto di lui il Prof. Arch. Nicola Pagliara:”i pezzi disegnati da Cordasco, possono, come ogni opera d’arte, essere vissuti a sé, estrapolandoli dal contesto ed elevarli ad autentica opera di riflessione”.

La frequentazione delle botteghe dei mastri artigiani ha dato esperienza all’amore profondo che l’architetto designer ha per i materiali e che utilizza nel rispetto della loro stessa natura.
Anche qui il risultato estetico finale non è un punto di partenza ma di arrivo. Una conquista.

L’approdo alla scultura nasce da una forte necessità interiore di ricerca di se stessi in se stessi, una forza irrefrenabile, un fuoco appena divampato.

“La scultura è la struttura delle proprie emozioni, con la possibilità che possa evocare anche altro da se stessa, intercettando l’immaginario di ognuno di noi in maniera differente”.

CRITICA

Anna Crescenzi (artista) – … il dialogo delle forme che s’avvolgono su se stesse, raccolgono l’aria e l’accompagnano verso l’osservatore.

 Luisa Crescenzi (giornalista) – … la capacità di dare un’anima, di infondere in esse un respiro e una vita, con la raffinatezza dell’essenzialità nella quale però è contenuta una enorme ricchezza di messaggi, vere e proprie “sculture parlanti”.

 Giorgio Agnisola (critico d’arte) – … in bilico, con finezza, tra tensione simbolica e sintesi astratta.

 Salvatore Russo (critico d’arte) - … potremmo definire Ugo Cordasco “l’Architetto dell’arte”. Le linee tracciate nelle sue opere rendono queste ultime particolarmente cariche di significato. Il colore, soprattutto monocromi e i simboli utilizzati testimoniano una personalità estremamente complessa.

 Alex Munzone (pittore – fotografo – musicista) – Ho trovato nel tuo lavoro una dimensione onirica che rispecchia i canoni di una realtà stratificata, ho l’impressione di entrare in una documentazione sequenziale della società in cui viviamo, attraverso un viaggio tra le formali evoluzioni della scultura.

 Prof.ssa Anna Francesca Biondolillo (critico d’arte) – … la plastica dialettica viene elaborata con armonia e sentimento donando dinamismo alla staticità dell’elemento narrante … da cui traspare il valore culturale ed artistico dell’autore attraverso una sua personale tecnica e una volontà comunicativa …

 Dott.ssa Nadine Giove (critico d’arte) - … la predilezione per forme e composizioni geometriche elementari, la separazione complementare tra gli spazi vuoti e gli spazi pieni, l’enfatizzazione delle sinuosità che catturano la luce naturale: l’artista sviluppa tali motivi caratteristici in maniera istintiva, pur essendo ovviamente l’opera il frutto di un attento studio preparatorio. Difatti la sua ispirazione è una scultura naturale minimalista, in cui elementi in perenne contrapposizione, quali luce e ombra, vuoto e pieno, natura e artificio, si amalgamano fino a divenire un insieme perfetto ed evocativo…

 

CURRICULUM

Gennaio 2010 – Selezionato dal Centro Internazionale Artisti Contemporanei (Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri) per la partecipazione alla mostra collettiva dell’Ottava edizione della Biennale d’Arte Internazionale di Roma dal titolo "Opera Prima" (Arte del Terzo Millennio) a piazza del Popolo nelle sale del Bramante a Roma con il patrocinio della Regione Lazio e del Comune di Roma (con pubblicazione catalogo e menzione di merito);

 Marzo-Aprile 2010 Selezionato dall’Associazione culturale “La cera di Dedalo” per la partecipazione alla mostra collettiva di Land Art a cura di Lucrezia Rubini dal titolo “uomoxartexnatura”, VI edizione del ciclo “arte in piazza”, alle Terme delle Acque Albule di Tivoli (RM) con il patrocinio della Presidenza del Consiglio della Regione Lazio e del Comune di Tivoli (con pubblicazione catalogo);

 Giugno 2010 – Selezionato dall’Associazione Alkaest e il Comune di Città di Castello per la partecipazione all’edizione 2010 del Premio Internazionale d’Arte “Solstizio d’estate” dal titolo “Percezione di mondi segreti” al Palazzo Bufalini (Sala Quadrilatero) in piazza Matteotti a Città di Castello (PG) con il patrocinio e la collaborazione della Provincia e della Camera di Commercio di Perugia, della Fondazione Cassa di Risparmio e della Galleria delle Arti di Città di Castello e della Fondazione Burri, (con pubblicazione catalogo);

 Luglio-Agosto 2010 – Selezionato dall’Associazione SpazioTempoArte per la partecipazione alla rassegna internazionale di artisti emergenti a cura di Roberto Ronca dal titolo “stARTup 2010” nella sala Birolli (ex macello) a Verona con il patrocinio della Regione Veneto, della Provincia del Comune e della Confcommercio di Verona (con pubblicazione cd-rom);

 Settembre-Ottobre 2010 – Selezionato dall’Associazione SpazioTempoArte per la partecipazione alla 2° edizione della rassegna internazionale a cura di Roberto Ronca dal titolo “HUMAN RIGHTS” nella sede della Fondazione Opera Campana dei Caduti a Rovereto (TR) in collaborazione con la stessa Fondazione Opera Campana dei Caduti (con pubblicazione catalogo e cd-rom);

 Ottobre 2010 – Invitato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Bruges, in Belgio, con la collaborazione del Provinciaal Centrum Morele Dienstverleing di Bruges e della Galleria d’Arte AmArtlouise Gallery di Bruxelles per la partecipazione all’evento espositivo che si è tenuto presso la Cappella “De Sleutelbrug” di Bruges (con premiazione per merito artistico);

 Ottobre 2010 – Selezionato dall’associazione culturale LIBER-ART per la partecipazione alla 1° Biennale Internazionale della Città di Lecce con il patrocinio della Provincia e del Comune di Lecce, del Comune di Martano (LE) e dell’Accademia delle Belle Arti di Lecce (con pubblicazione catalogo e attestato di merito artistico);

 Novembre 2010 – Selezionato dall’associazione L’ISOLA FELICE in ART per la premiazione per meriti artistici nel Salone di rappresentanza del Palazzo della Provincia di Brindisi in piazza S.Teresa con il patrocinio della Regione Puglia, del Comune e della Provincia di Brindisi, della Pro Loco di Tuturano (BR), dell’Ambasciata di Grecia e di Enel (con pubblicazione catalogo);

 Novembre-Dicembre 2010 – Selezionato dall’Associazione SpazioTempoArte per la partecipazione al 1° incontro della rassegna internazionale a cura di Roberto Ronca dal titolo “SEVEN”, sui sette peccati capitali, nella villa Vannucchi in Corso Roma a San Giorgio a Cremano (NA) in collaborazione con la città di San Giorgio a Cremano e con il patrocinio del European Parliament, della Regione Campania, della Provincia di Napoli e dell’Ordine degli Architetti di Napoli e provincia (con pubblicazione catalogo e cd-rom);

 Novembre-Dicembre 2010 – L’associazione culturale “La cera di Dedalo” presenta la Collettiva d’Arte e la Proclamazione del 1° Manifesto del Gruppo Artistico GASM a cura di Lucrezia Rubini al complesso dell’ex convento di San Michele, Piazza Jean Coste, a Montecelio (RM), VII edizione del ciclo “Arte in Piazza e II edizione del ciclo “Arte nel Chiostro”, col patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio, della Provincia di Roma e del Comune di Guidonia Montecelio (con pubblicazione catalogo).