PAGINA DELL'ARTISTA GIANFRANCO TAGLIAPIETRA

-clicca per ingrandire
 
Frontale  
   
   
 

TAGLIAPIETRA GIANFRANCO, ARTISTA NATO A BURANO VE NEL 1941, VIVE ED OPERA A SPINEA (VE), è AUTODIDATTA. DIPINGE DAL 1952 VINCENDO IN QUINTA ELEMENTARE IL PREMIO REGIONALE DI PITTURA IN UN CONCORSO INDETTO DAL M.P.I. E AMMESSO ALLA SELEZIONE FINALE A ROMA. NEGLI ANNI SEGUENTI SI DEDICA ALLA PITTURA SOLO NEL TEMPO LIBERO SENZA MAI AFFACCIARSI AL MONDO DELLA CRITICA. SOLTANTO DAL 1984 SI AFFACCIA PER LA PRIMA VOLTA AL PUBBLICO PARTECIPANDO FINO AD OGGI A NUMEROSI CONCORSI REGIONALI, NAZIOANALI E MOSTRE COLLETTIVE. VIENE SEGNALATO IN ALCUNI CONCORSI, VINCE IL QUINTO PREMIO AL CONCORSO “RENATO MARINATO” DI MARGHERA (VE), IL PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA AL GRAN PREMIO FESINA “LA DOTTA” A BOLOGNA. DUE SUE OPERE SONO ESPOSTE NEI MUSEI DI ZAGABRIA E SEBENICO IN CROAZIA. VIENE APPREZZATO DALLA CRITICA E DAL PUBBLICO, TANTO DA RICEVERE IL SECONDO PREMIO DALLA GIURIA POPOLARE NELLA MANIFESTAZIONE MENSILE CHE SI SVOLGE IN VIA PALAZZO A MESTRE (VE). ALL’HOTEL VILLA CARPENADA DI BELLUNO EGLI PARTECIPA IL 14/06/1992 ALL’ILLUSTRAZIONE DEL 1° PREMIO DI POESIA “OMAGGIO A NORMA”. SEMPRE ALL’HOTEL VILLA CARPENADA IL 10/10/92 ILLUSTRA IL LIBRO “CARLO 1° D’ASBURGO” DI ROMANA SZABADOS. NEL 1993 CON MENEGAZZO E ALTRI E’ FONDATORE DELL’ASSOCIAZIONE  CULTURALE “R. LACONI” DI MESTRE.

È’ STATO INVITATO DAL 2001 AL 2007 ALLA MOSTRA NAZIONALE DI PITTURA CONTEMPORANEA “SANTHIà”, MOSTRA-CONCORSO AD INVITO RISERVATA A 200 ARTISTI PRESCELTI DALLA COMMISIONE PREPOSTA, GLI VENGONO ASSEGNATI I PREMI NAZIONALI “INNOCENTE SALVINI” E “GIOVANNI ARPINO”.

IN SEGUITO AL PREMIO DI PITTURA ESTEMPORANEA “CITTÁ DI BASSANO, L’OPERA VIENE ESPOSTA PERMANENTEMENTE AL MUSEO DI ARTE CONTEMPORANEA DI BASSANO.

 

CRITICA

La folla che brulica sotto le procuratie di san marco; la solare veduta di napoli

a marechiaro; lo sguardo assorto di  una   ragazza  sulla   spiaggia; la  struttura

barocca della salute.  ogni immagine, per  questo  pittore veneziano, è un pretesto

per  cogliere  brandelli  di  vita.  il  segno  e  il  colore  fluiscono  senza sforzo nel

tentativo di dare alla pittura  una  sua  forza  comunicativa.  impressioni fresche,

prive di ogni sofisticazione.

                                                                                             Paolo Rizzi