PAGINA DELL'ARTISTA IVANO PETRUCCI

-clicca per ingrandire
Le ore piu' importanti Mezza alienazione dell'ego
   
   
 
Giovane pittore emergente e studente all'Accademia di Belle Arti di Roma, Ivano Petrucci vive a Oriolo Romano in provincia di Viterbo ed è nato a Roma il 14 luglio 1988. Sin dai primissimi tempi acquista l'attitudine di disegnare e dipingere: dall'età di otto anni frequenta un corso di pittura nell'abitazione dell'artista Gaetano Vari a Quadroni (Manziana) per poi interromperlo all'età di tredici. Continuando gli studi, durante l'adolescenza porta avanti da solo la passione per la pittura, sperimentando un'astrazione personale e casuale. Frequeta il liceo artistico "A.Caravillani" a Roma, dove si concentra principalmente su produzioni inerenti alle materie, scoprendo l'amore per i disegni fantasy e per la letteratura. Sono di questo periodo i versi delle "Poesie adolescenti", una piccola collana che pubblicherà nel 2008 tramite la casa editrice Il Filo, e le poesie con cui parteciperà a diversi concorsi. 
Iniziando l'Accademia di Belle Arti, connette lo studio, il lavoro e diverse piccole esposizioni. Nel 2009 comincia a mettersi in contatto con dei curatori, come il critico d'arte Giorgio Palumbi e Livio Garbuglia. Quest'ultimo lo seleziona per una prima prestigiosa collettiva a Roma, presso la galleria dell'ambasciata araba d'egitto in via delle terme di traiano. Sempre nello stesso luogo, parteciperà poi ad altre due esposizioni collettive fino alla "Biennale World art" innaugurata a marzo del 2010. Nel mentre, apre a Manziana uno studio artistico in un piccolo locale accessibile sotto in negozio della madre, lavorando a piccole commissioni e proponendo dei corsi di pittura per ragazzi. Dopo la pubblicazione di "Poesie adolescenti", conosce Alfredo Di stefano, critico letterario-poetico, con cui stabilisce degli incontri per approfondire la conoscenza poetica e per lavorare insieme ad una futura nuova pubblicazione di poesie.
Ha partecipato ad una mostra collettiva al museo Crocetti a luglio del 2010, "Ars Creandi", curata dal critico d'arte Giorgio Palumbi. Dopo di che, viene selezionato per il premio Bruges, da parte dell'associazione "Il Tempio" di Palermo, con un'esposizione di un opera nella città omonima dal 7 ottobre al 29 ottobre 2010.

CRITICA :

"Con un intervento quasi demiurgico, il pittore Ivano Petrucci crea mondi interiori avvertiti, fisicità memoria-esistenza che in fondo rappresentano, in apparenza o per relazione, quella risonanza segreta in cui viviamo (...)".
Livio Garbuglia, critico d´arte - in quadriennale rome art 2009

- "(...) La sua è un arte che esplora le caverne buie di miti Platonici per poi discostarsi da essi ed assumere la dimensione del difficilmente interpretabile. Il risultato finale è la rappresentazione dell´Enigma."
Salvatore Russo, critico d´arte, in "Boé" - maggio\giugno 2010

- " (...) Dipingere, il suo, che non è un semplice pennelare ma una filosofia creativa la cui potenzialità rende massimo rendimento al rappresentato espresso magistralmente. Esperienze pittoriche che sorprendono perché, seppur giovane, egli sa bene accostare la possenza cromatica alla potenza espressiva delle sue opere, ponendo in evidenza un temperamento artistico di elevato spessore."
Giorgio Palumbi, critico d´arte - in "Ars Crandi", seconda edizione.

- "Opera pregna di contenuti esistenziali, realizzata con chiarezza di segno e dinamismo materico da cui emerge la validità artistica"
Proff.ssa Francesca Biondolillo, "Porta delle fiandre - premio Bruges" - 9 ottobre 2010

Riconoscimenti

-         Attestato di merito artistico per la premiazione “Trofeo di Bruges”.

-         Premio “Maremma 2011”, rilasciato dal comune di Grosseto e dall’ associazione artistica “Il Leone”.

-         Attestato di partecipazione  “Equinozio di primavera”, rilasciato dall’associazione “Il Leone”.

-         Attestato e premio di partecipazione come 2° classificato al concorso di poesia “Jhon Keats”, rilasciato dal comune di Roma.