PAGINA DELL'ARTISTA ALDA BERERA

-clicca per ingrandire
La solitudine

Il satiro danzante

   
   
Alda Berera nata a Milano nel 1940. Fin da ragazza dipinge, vuole frequentare Brera, ma i genitori si oppongono. Continua, nonostante tutto, e nel 1990 si iscrive ad ua scuola d'Arte. Lavora con tecniche diverse: acquarello, tempera, olio. Partecipa a collettive in alcune importanti manifestazioni nella provincia di Milano.

"Alda Berera,autodidatta, ha cominciato a dipingere inizialmente,meditando a lungo sulle pennellate e sui valori che la rendono valida al di lÓ degli elementi della narrazione, ha dipinto cercando il suo io in varie tendenze e tecniche, sapendo che le possibilitÓ pittoriche la potrebbero condurre in svariate direzioni. La sua pittura Ŕ schietta ,intima, elaborata con chiaro linguaggio, teso a vibrare tessuto cromatico, quadri ricchi di valore artistici non sofisticati".
Bir˛

"La pittrice Alda Berera e' molto impegnata nel campo dell'arte. Le sue opere stanno ottenendo un largo e sentito consenso da parte dei collezionisti. Diceva Cesare Tallone che un vero artista sa fare di tutto, dal paesaggio alla figura. In questo senso Alda Berera ha raccolto la "summa" del suo ideale : confrontarsi con la realta' ed andare oltre... Vi sono alcuni dipinti magistrali che raccolgono le varie sensazioni atmosferiche con vario accento cromatico : "Autunno in collina", "La casa di Tonio", "E' quasi estate", "Oramala", "La casa sola", "Nevicata", Tra cielo e mare", "Calanchi", "Oltrepo".

Particolare dedizione affettiva l'Artista la dedica ai fiori, enucleati come tanti personaggi che hanno trovato nel linguaggio risaltante e misterioso di Alda Berera la partecipazione viva all'elogio delle zinnie, delle rose, dei tulipani, dei papaveri, dei fiori della notte per acquisire un amplesso d'amore.. Ma ad un certo momento la pittrice si lascia trascinare dalla fantasia e percepisce un altro mondo in cui prevale il mito. In questa ricerca sottile, di forte intensita' poetica, Alda Berera ha suscitato una profonda e stupenda surrealta' "

Antonino De Bono