PAGINA DELL'ARTISTA PASQUALINO FESTA ( Murè )

-clicca per ingrandire

Giappone - Tzunami - La natura si ribella Lettere dal passato II

 

Vaso di fiori con arance

 

 

Pasqualino Festa, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Murè, nasce a Parma da genitori campani; ma Lucerino di adozione,  vive e lavora a Foggia impegnato tutt’ora nel mondo Politico-Sindacale.

I suoi trascorsi di vita l’hanno visto dapprima nell’Ordine Francescano dei Frati Minori Conventuali e successivamente professore di matematica.

Autodidatta, da sempre animato da forte passione per la natura e per l’arte.  L’incontro con la pittura si manifesta, casualmente, alla fine degli anni “80, dando molto alla sua passione artistica, fino allo spasmo senza mai porsi il problema di esporre le sue numerose tele, a causa dei suoi impegni ai quali era chiamato nella sua attività di lavoro, anche questo come scelta di etica di servizio. Nonostante ciò, non sono mancate le occasioni che le stesse, attraverso il pseudonimo artistico  si sono inserite in un circuito nazionale. Nei suoi primi dipinti, rispondenti alle pulsioni dell’umano quotidiano e ai suoi trascorsi di frate, primeggiava il ritratto di Padre Pio e di San Francesco Antonio Fasani (Il Padre Maestro di Lucera – FG -).                                                                     

Scavando nel tempo con le sue tele cifrava il ricordo, attraverso i ritratti che risaltavano la nostalgia che egli provava per quelle immagini, riscoprendo il luogo e la forza per andare avanti.

La sua pittura affrontava la vita nei suoi eventi, istante per istante. Diveniva membrana sottile attraverso la quale, il profondo “se” dialoga con l’esterno, con il collettivo e con il tempo degli eventi.

Emergeva la sua cultura religiosa ed i ritratti, come la cultura popolare della terra dei Dauni fino a quella Irpina e Campana con i relativi paesaggi. In questi anni la sua passione artistica prende il sopravvento.

A causa del suo lavoro, spesso in giro per l’Italia ha avuto modo di frequentare Maestri e studi d’arte. Pasqualino Festa colpisce per la sua particolare capacità di saper cogliere immediatamente la fisionomia di una persona per trasferirla sulla tela con tratti che ne rivelano la psicologia più profonda e anche la capacità di realizzare paesaggi particolarmente quelli legati alla terra, dove vive - La Capitanata,  il Gargano e il Subappennino Dauno -  nonché a quelli della terra delle sue origini, dell’Irpinia e della Campania, che si svincolano dalla patina oleografica della cartolina per rilevare la poesia e la suggestione dei luoghi.                                                                         

” Il contrasto luce-ombre dei volti sparisce per dare posto nei paesaggi a vere e proprie atmosfere. Armonie di colori e di cromatismi inconsueti; la sua pennellata sicura, corposa e piena, si muove nel solco della buona tradizione partenopea, queste le caratteristiche fondamentali – Espressionismo e Figurativismo – che trasmette in modo memorabile la pittura di Murè”. Cosi' lo descrisse il critico d'arte Gaetano Cristino di Foggia.

                                                                                                     

Soltanto nel nuovo millennio, ormai già conosciuto si è palesato completamente. Attraverso mostre personali e collettive, ottenendo sempre buoni riconoscimenti sia a livello locale che nazionale,  partecipando a concorsi, acquisendo elogi e premi da parte della critica, del pubblico e degli addetti ai lavori.

Da ricordare la sua grande sensibilità e predisposizione di aiuti ai bisognosi e sofferenti, infatti, annualmente alcune sue opere vengono messe all’asta, devolvendo completamente il ricavato alle associazioni ONLUS e in particolare al gruppo dei volontari del soccorso della Croce Rossa Italiana.

Le sue opere sono presenti in numerose collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero e in molte chiese del nostro Paese.

 

 

Se l’Arte è la più vigorosa espressione d’individualismo che il mondo abbia conosciuto; ebbene, Pasqualino Festa, in arte “Murè”, è uno di questi. Nasce a Parma, ma vive e opera a Foggia. Dapprima frate minore francescano poi professore di matematica, si dedica da anni all’arte da autodidatta, animato da forte passione.  E’ approdato alla Pittura casualmente, dando molto a questa sua passione artistica attraverso uno studio minuzioso della tecnica, delle espressioni e del colore.

 Dai dipinti emergeva ciò che amava: la sua cultura religiosa e popolare: ritratti e paesaggi. Andando avanti negli anni la sua passione artistica prende il sopravvento e si pone come compagna di viaggio per immortalare vari istanti di vita. Frequenta Maestri e studi d’arte. Pasqualino Festa, muovendosi nel solco della buona tradizione partenopea, affina la sua espressività pittorica attraverso caratteristiche fondamentali di – Espressionismo e Figurativismo – Egli ha, infatti, il dono di saper cogliere immediatamente la fisionomia di una persona per trasferirla sulla tela con tratti che ne rivelano la psicologia più profonda. Ed anche la capacità di realizzare paesaggi, particolarmente quelli legati alla terra in cui attualmente vive, nonché quelli delle origini, immortalati fuori da ogni retorica rappresentativa al fine di privilegiarne poesia e la suggestione dei luoghi.

Nei suoi primi dipinti, da copista-ritrattista, primeggiava quasi esclusivamente il Santo di Pietrelcina, non c’è atteggiamento o sguardo di Padre Pio che “Murè” non abbia riprodotto sulla, tela rimarcando  la spiritualità e il carattere mistico e profondo, rude e dolce allo stesso tempo, del frate cappuccino. Egli punta sull’espressività della figura, partendo dai valori cromatici e dalla impaginazione della stessa all’interno della tela. Ci sono tagli di luce che non solo comunicano il senso spaziale tridimensionale, ma fanno vibrare, col contrasto luce/ombra, il volto e l’intera immagine, immersa nel vuoto del fondo scuro da cui emerge imperiosa e ieratica. Con questa benedizione e avendo fiducia in se stesso, provando amore per la vita, con la sua arte ha inteso mostrarci che è bella.

Tanto emerge dai paesaggi, dove il contrasto luci/ombre  sparisce per cedere il posto a vere e proprie atmosfere. Le vedute realistiche dell’Artista, sono intrise di una straordinaria quiete, cifra della sua personale sensibilità con la quale trasmette momenti d’anima. La sua visione del mondo è mediata dalla capacità di curare il dettaglio delle sue composizioni. Gli scorci più famosi del Gargano,  diventano per Murè un pretesto per armonizzare colori. Le vedute paesistiche del subappennino fino a quelle dell’Irpinia e della Campania, presentano colori dalle esaltazioni più timbriche, con il colore steso quasi con la densità della spatola, e valori cromatici addolciti da un’atmosfera rosata. In queste opere riesce a raffigurare una serena contemplazione della natura mediante colori che mantengono un ritmo narrativo autentico e aderente a quel che ha inteso rappresentare; inoltre, la figurazione è esaltata dalle sfumature di chiaro e scuro rivelative della padronanza del suo tratto pittorico.

Pasqualino Festa con la sua pittura s’impone all’interesse della critica in quanto artista sensibile, che ha il senso del colore ma anche un’attenzione per i “fondamentali” del disegno e della costruzione prospettica, con cui riesce a cogliere sempre punti di vista affascinanti che catturano l’attenzione. Un ottimo talento, con una buona preparazione tecnica, frutto questo di una costante e severa sperimentazione e ricerca. Le sue Opere alquanto interessanti fanno emergere l’autentica passione per l’Arte; questa la sua evasione dal mondo.

                                                    Luca D’Andrea  Giornalista

 Le sue opere sono presenti nell’albopittoriitaliani.it, laspadarina.it e rossocinabro.it

--------------------------------------------------

CURRICULUM

Formazione Artistica    Autodidatta  

Premi e Concorsi Artistici    

                                                                                                                      

2008-Pubblicazione Catalogo “Murè Ritratti e Paesaggi” Edizione del Rosone “F.Marasca”-Foggia                                                                       

2009-Concorso Nazionale di Pittura Contemporanea “ Diomedes”   Manfredonia (FG)               

2010-Concorso Nazionale di Pittura Contemporanea  “Diomedes”   Manfredonia (FG)                                                                                 

2011-Premio Letterario e d’Arte “Vibrazioni dell’Anima” 1^ Edizione Firenze                                                                                           

2011-1° Premio Concorso Artistico Premio ”S. Maria della Luce” VII edizione – Accademia Internazionale “ Il Convivio” sede di Mattinata (FG)-                                                                                                                                                                                                                                                                              

2011-Colori e Pensieri-Riconoscimento Editoriale del periodico  d’Arte Boè                                               

2011-Collettiva Naz.le “I Sette Peccati in Mostra” – Museo Archeologico Faggiano –Lecce         

2011-Riconoscimenti d’Arte-Riconoscimento Editoriale del periodico d’Arte Boè                                 

2011-Concorso Naz.le “Rassegna Premio Astarte” – Museo Civico Castello di Santa Severa Roma  

2011-“ Premio Oscar” Arti visive – Artexpò Gallery-24 settembre –  Hotel De Paris – Montecarlo

2011-3°Classificato Premio Artisti-3° Concorso Yoo-Art “ Arte d’Avanguardia “  -15/settembre-05/novembre Fossano (CN)-                                                                                                                           

2011-Pubblicazione Catalogo “Artisti Italiani 2011” Cuda Editore- Casa Editrice Creusa-Cosenza

2011-Premio di Rappresentanza-Associazione Storica di San Crispino – Porto Sant’Elpidio (FM)  

2011-Magia di settembre-Riconoscimento Editoriale del periodico d’Arte Boè                             

2011-Mostra Collettiva Naz.le “Tracce di Vita” Museo Archeologico Faggiano  - Lecce                

2011-Presiede la Commissione Tecnica di valutazione al Concorso di Arti visive “Punta al Castello” Club Unesco Federico II° Lucera (FG)                                                                                                        

2011-Mostra Naz.le “Arte in Tricolore” – Galleria Città Amica Torino e Sala Consiliare Comune di Reggio Emilia – Patrocinio Ministero per i Beni e le Attività Culturali.                                                 

2011-Premio Arte Mercato-Riconoscimento Editoriale del periodico d’Arte Boè                                 

2011-I Luminari dell’Arte-Riconoscimento Editoriale del periodico Boè                                                 

2011-Autunno d’Arte-Riconoscimento Editoriale del periodico Effetto Arte                                            

2011-Sguardo Critico-Riconoscimento Editoriale del periodico Effetto Arte                                              

2011-L’Artista per L’UNICEF-Boè- nomina di Artista per l’Unicef – Centro Diffusione Arte                     

2011-2° Premio: “Targa d’Argento” e Attestato di Benemerenza - 8^ Edizione Concorso Nazionale di Pittura – Accademia Naz.le per l’Economia, le Arti e la Scienza - Lamezia Terme (CZ)                                                                                                      

2011-8^ Edizione della Rassegna Internazionale “Arte Sacra”- sale espositive storiche di Villa Baruchello – Latavolozzamarche - Porto Sant’Elpidio (FM)                                                                         

2011- 1° Classificato Artista dell’Anno 2011 - Concorso Nazionale dell’Albo Italiano Pittori Scultori e Grafici (APIA)-Roma                                                                                                                                            

2012-Premio Mercurio d’Oro per l’Arte – 07 gennaio – Artexpò Gallery - Hotel Miramare – Cesenatico (FO)                                                                                                                                              

2012 -4° Classificato Premio Artristi - 10° Concorso d’Arte Contemporanea e d’Avanguardia AD-ART – 10-17 gennaio 2012 – Fossano (CN)                                                                                                     

2012 –Atmosfere-Riconoscimento Editoriale del periodico bimestrale d’arte e cultura-Effetto Arte-redazionale di 2 pagine-                                                                                                                                     

2012 -1° Premio Effetto arte-Festival di pittura, scultura e grafica – Villa Whitaker – Palermo (Premio: Un Redazionale di 2 pagine del Periodico Bimestrale d’arte e cultura- Effetto Arte       

2012 –Pubblicazione Annuario d’Arte “Calenda 2012” –calendario-agenda e rassegna di Artisti italiani e Stranieri – Realizzato dalla Prof.ssa Marisa Mola-Vernissage-Bari                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           2012 -Rassegna d’Arte “1° Gran Premio delle Cinque Terre” – Grand Hotel Portovenere (SP)

  

Esibizioni artistiche                                                                                                                                

Dal 1995 ad oggi ha tenuto circa 25 mostre personali e oltre 30 collettive  in varie città d’Italia e all’estero, su invito, anche a rassegne d’Arte.

Hanno scritto, pubblicato e raccontato

Numerose Personalità, Maestri Accademici, Critici D’Arte, giornali e riviste ed  emittenti televisive a livello locale e Nazionale.

                                                                                                                                                                              

Altre informazioni                                                                                                                                                Le opere, oltre 40, presenti nelle collezioni pubbliche e private in Italia e all’estero e in molte chiese del nostro Paese, anche se commissionate, sono andate in donazione. La grande predisposizione e sensibilità dell’Artista diventa tangibile con la elargizione di alcune Opere alle associazioni ONLUS e in particolare al gruppo dei Volontari del Soccorso della Croce Rossa Italiana.                                                                                                                                               

 

Antologia Critica e Testimonianze

(estratti)

 (…) > i dipinti di Murè rivelano oltre che la dedizione alle immagini sacre, il suo amore per la natura, per lo spettacolo, sempre mutevole del paesaggio, visto ed interpretato attraverso immagini delineate, immerse in un atmosfera romantica che accentua il loro valore di rievocazioni suggestive. Nelle sue opere si avverte l’entusiasmo del dipingere, fedele all’oggettività delle cose, in un linguaggio legato ai grandi maestri che egli sviluppa e approfondisce secondo la propria sensibilità”.                                                                                                                                              M° Antonio Lagonigro – Artista – 1990. 

(…) > Pittura quella di Murè, cordiale, piacevole, attenta al variare della luce, condotta con una maestria impegnata a rappresentare un’atmosfera di contrasto ed un armonizzarsi di colori che spesso con la spatola assume cromatismi straordinari fino all’inverosimile; sottolineando la naturalezza e la vivacità pittorica dell’artista”.                                                                                    Prof. Dott. A. Pellegrino – Presidente della Provincia di Foggia – 1993

 (…) > Murè, appartiene a quegli artisti Meridionali che stanno dando continua riprova della capacità di superare i confini. Un dipingere sereno, un’immagine sulla verità quotidiana, priva di complicati significati o di falsi discorsi culturali, una verità che nasce dall’osservazione attenta, precisa che gli permette di cogliere l’attimo di luce o il raggio di sole che incide la forma del quadro”.                                                                                                                                                Dott. Enrico Santaniello – Regione Puglia Assessore alla Sanità - Bari – 2002

(…) > la policromia dei colori, i numerosi effetti di luce e ombre, nelle tele di Murè, con l’articolarsi delle decorazioni, i vari segni quasi simboli di qualcosa, sottolineano la naturalezza, la spontaneità e la vivacità pittorica dell’artista. Le movenze delle immagini a carattere volumetrico, con gli elementi figurativi, conseguono un equilibrio perfetto”.                                                         Ing. Giovanni Mongelli – Presidente Prov.le Accademia delle Belle Arti – Foggia –  2003

(…) > Murè un ritrattista che nell’imprimere sulle sue tele ad olio le figure religiose, rende un sincero omaggio a i suoi trascorsi da Francescano. Orgoglio per  Lucera, città d’arte, l’aver avuto in adozione un artista che, attraverso le tele, ha dato risalto alle immagini sacre e ai paesaggi della nostra Capitanata”.                                                                                                                               Dott. Giseppe Labbate – Sindaco della Città di Lucera – 2004

(…) > Le tele dipinte da Murè, scatenano grandi emozioni e l’Artista è davvero magico nel trattamento dei colori e nel loro assemblaggio fino a far venire fuori immagini bellissime e fortemente espressive. Un Artista che farà parlare sempre più di sé per gli effetti ottici strabilianti che impone alle sue tele e per il qual motivo si porra sempre più all’attenzione dei critici per gli opportuni meriti e riconoscimenti”.                                                                                                     Prof.ssa Angela Barbanente – Regione Puglia Assessore all’Assetto del Territorio - Bari – 2006

(…) > con la pittura Murè – Pasqualino Festa – si presenta brillante, L’equilibrato trattamento dei colori e le emozioni che scatenano lasciano trionfare l’arte nelle sue mille proiezioni,. L’Artista con il ciclo delle bellezze paesaggistiche di Capitanata e  quello di “Arti e Mestieri” ha riaperto uno spiraglio alla presenza di “figure” che assumono una chiave di valore simbolico. Murè ha ceduto al fascino del racconto, della designazione magica del passato, facendolo rivivere nel presente con le sue tele”.                                                                                                                                              Dott. Orazio Ciliberti – Sindaco della città di Foggia – 2007

(…) > Il senso del legame che l’Artista, Murè, ha con le immagini sacre, ed il contrasto delle luci e dei colori ad olio corposi fanno emergere le figure religiose in maniera imperiosa ed avvolgente al Mistero della Fede e alla Sofferenza”.                                                                                                 Mons. Felice di Molfetta – Vescovo di Cerignola-Ascoli Satriano – 2008

(…) > L’artista, rivela una personalità propria, un modo di esprimersi che rende pregnanti le immagini e attesta, con efficacia le vibrazioni personali, la visione soggettiva dell’arte e del mondo. Murè si connota per l’originalità del tratto, per la scelta accurata del soggetto, sia esso di natura umana e/o paesaggistica, e per la resa che è aderente sempre al fervore ispirativo. La sua grande dote è quella di saper donare sensazioni ed emozioni attraverso un uso del colore che lascia presagire il calore del Sud, magistralmente filtrato da un grafismo dalla resa formale accurata, che va a formare, così, un ideale e riuscitissimo connubio di forme e cromie”.                                                                           Avv. G. De Perna – Presidente  Prov.le Accademia delle Belle Arti – Foggia -2008

(…) > Murè è davvero bravo nel porre su tela figure religiose, tanto da creare attraverso le sue colorature  assemblaggi di luce e chiaro-scuri inattesi, lasciando cosi trionfare la spontaneità dell’arte. La sua creatività migliore l’artista la dimostra nel ritratto e nell’arte figurativa e le “iconografie” del Frate Cappuccino di Pietrelcina e  San Francesco Antonio Fasani di Lucera, ne sono la testimonianza”.                                                                                                                  Mons. Domenico Cornacchia – Vescovo di Lucera-Troia – 2008

(…) > Se l’Arte è la più vigorosa espressione d’individualismo che il mondo abbia conosciuto; ebbene, Pasqualino Festa è uno di questi. Autodidatta. Da sempre animato da forte passione per la natura e per l’Arte. E’ approdato alla pittura casualmente, dando molto a questa sua passione artistica attraverso uno studio minuzioso della tecnica, delle espressioni e del colore. La sua  pittura, affronta la vita nei suoi eventi, istante per istante, fino a divenire membrana sottile attraverso la quale, il profondo “se” dialoga con l’esterno, con il collettivo e con il tempo degli eventi”.                                                                                                                             Dott. Luca D’Andrea – Giornalista – 2008

 

(…) > Pasqualino Festa, in arte Murè, nei ritratti e nei paesaggi, esprime senza aggressività sensazioni e stimoli emozionali per una narrazione essenzialmente oggettiva, della coloritura viva e serena dove egli impone la sua sensibilità. Con la sua arte Murè allontana il destino dell’oblio e carica di significato i soggetti fermati nei suoi quadri che si nutrono e palpitano dei colori e dei contrasti della nostra terra, onorando i fremiti della vera arte e salvaguardando quella dignità di sentimenti, di idee, di espressione, minacciata quotidianamente dalla cieca superficialità dei nostri giorni. In questo, forse, è da ravvisare il merito maggiore dell’artista, quello di riproporre con coraggio e determinazione quei valori che ci esaltano, dando un senso autentico alla nostra esistenza”.                                                                                                                                             Prof.ssa Falina Martino – Edizioni del Rosone “F.Marasca” – Foggia - 2008 

(…) > Pasqualino Festa, Murè, vive a sud del nostro continente, ma è uno del nostro Paese, quello scritto dai nostri Padri e quello che dovranno scivere i figli di questa meravigliosa Italia. Ebbene, Pasqualino Festa è figlio del tempo che stiamo vivendo, particolarmente attento al Paradiso che abitiamo e a un uomo, oggi San Pio, e quella dei paesaggi, dei nostri paesaggi, che sono al centro del suo interesse e della sua arte, strumento importante per la conoscenza del territorio, per il miglioramento del gusto e della sensibilità di chi lo abita e di chi lo visita”.                                     Dott. Carmine Stallone - Presidente della Provincia di Foggia – 2008

(…) > Murè e/o Pasqualino Festa, con le sue ricerche minuziose e attente ci offre l’immagine di un territorio in tutta la sua bellezza più autentica, un atto d’amore per questa terra, e la sua arte è stimolo per le nuove generazioni alla ricerca delle proprie radici”.                                                      Prof. Sergio Clemente - Presidente del Consiglio Prov.le di Foggia - 2008

(…) > Murè eteronimo di Pasqualino Festa è un pittore figurativo che privilegia essenzialmente il  ritratto  e il paesaggio. Dai suoi dipinti emergeva ciò che amava: la sua cultura religiosa e popolare.  Egli ha il dono di saper cogliere immediatamente la fisionomia di una persona per trasferirla sulla tela con tratti che ne rivelano la psicologia più profonda. Nei suoi primi dipinti primeggiava quasi esclusivamente il Santo di Pietrelcina, Padre Pio; con questa benedizione e avendo fiducia in se stesso, provando amore per la vita, con la sua arte ha inteso mostrarci che è bella. Ed anche con i paesaggi l’Artista fa rivelare la poesia e la suggestione dei luoghi”.                                                                                    Dott. Gaetano Cristino - Critico d’arte-(redattore e direttore bibl.centr. serv.cult.) – Foggia- 2008

(…) > bene di Murè, pseudonimo artistico di Pasqualino Festa, non si può affermare che non vi siano tracce! Era quasi inevitabile, del resto avendo egli operato nel campo artistico per molti anni. E sono per l’appunto le sue tele, mastodontiche d’ispirazione per lo più religiose, nonché quelle paesaggistiche che parlano oggi di Murè, come coraggiosamente ha voluto sintetizzare nello pseudonimo della firma. A strabiliare è la sua tecnica-pittorica, i colori fuori dai tubetti e, poi, trasferiti sulla Tela con gesto rapido di sapienti spatolate”.                                                                Ing. Eliseo Zanasi – Presidente Camera di Commercio Industr. Art. e Agricoltura di Foggia - 2009

(…) > Chi conosce il Gargano e/o il Subappennino Dauno e la sua storia e decide di passare in rassegna i disegni di Murè resta ammirato per la bellezza artistica e per i tratti e i ritratti del pittore, ma soprattutto non può fare a meno di comprendere che Egli è un profondo conoscitore del territorio di Capitanata e le sue tele diventano delle vere e proprie fotografie”.                                  M° Gaetano Andreana – Accademico d’arte – Foggia - 2009

(…) > Murè un uomo vulcanico dalle mille risorse, instancabile, affabulatore straordinario, sempre disponibile e comprensivo; con il suo operare nel sociale e nell’arte pittorica si è accreditato e mostrato essenzialmente cittadino del mondo. La sua creatività non conosce soste”.                        Geom. Giseppe di Carlo – Presidente Assindustria di Capitanata – Foggia – 2010

(…) > I paesaggi di Murè, sia nei tratti che nei colori, fanno comprendere benissimo che l’Artista è  legato oltre che al territorio Campano anche alla Provincia nella quale vive  e le sue tele  si pongono bene all’interessamento del pubblico.                                                                                                                    Arch. Cristina Madini – Direttice Artistica RossoCinabro - Artista – Roma -2011

(…) > Murè, un ottimo talento, con una buona preparazione tecnica, frutto questo di una costante e severa sperimentazione e ricerca. Le Sue Opere alquanto interessanti fanno emergere l’autentica passione per l’arte; questa la sua evasione dal mondo.                                                                                                                            Dott. Remo Alessandro Piperno – Critico d’arte – Direttore Casa Editrice CIDA-Roma -2011            

 (…) > Pasqualino Festa, con la sua arte, presenta opere la cui corposità di colori e di cromatismi inconsueti creano delle vere e proprie  atmosfere che risultano essere molto apprezzate non solo dagli addetti ai lavori, ma anche dal pubblico.                                                                                 Prof.ssa Erminia Maria Guaschino – Gallerista, giornalista – Arona – (NO) – 2011

(…) > Pasqualino Festa, merita di essere annoverato fra i grandi artisti emergenti, perché non solo è riuscito a trasferire sulla tela la sua creatività espressionistica con i ritratti, ma anche un forte dinamismo figurativo con i paesaggi, il tutto originale per l’equilibrio dello spazio, costruito attraverso sfumature cromatiche, coordinate sapientemente, di sintesi tra colore e linea.                 Prof. Nicola Nuti – Critico d’Arte – Firenze – 2011

(…) > Le vedute realistiche dell’Artista Pasqualino Festa sono intrise di una straordinaria quiete, cifra della sua personale sensibilità con la quale trasmette momenti d’anima. La sua visione di mondo è mediata dalla capacità di curare il dettaglio delle sue composizioni. Nelle sue opere paesaggistiche riesce a raffigurare una serena contemplazione della natura mediante colori che mantengono un ritmo narrativo autentico e aderente a quel che ha inteso rappresentare; inoltre, la figurazione è esaltata dalle sfumature di chiaro e scuro rivelative della padronanza del suo tratto pittorico.                                                                                                                                      Prof.ssa Liliana Nobile – critico d’arte, editorialista – Palermo – 2011

(…) > Pasqualino Festa “Murè” trasferisce sulla tela immagini sconvolgenti quanto vere, un sentimento forte visto come reazione ad una azione negativa. Una grande responsabilità che ognuno di noi ha verso l’altro come l’uomo verso la natura. Le tele suscitano emozioni e questo è il compito dell’artista.

Prof.ssa Pompea Vergano – critico d’arte – Lecce – 2011

 

(…) > Il Prof. Pasqualino Festa, manifesta la sua ispirazione mistica nelle tele raffiguranti  La Santità di Padre Pio da Pietrelcina dalle cui espressioni traspare un senso di rassegnazione, di grande fede ed il saper celere agli altri la propria sofferenza. Le sue opere sono avvolgenti ed interessanti.                                                                                                                                      Prof. M°  Tommaso Traversa – già Docente Accademia Internazionale d’Arte Moderna di Roma